L’edificio è situato sulla via principale, Via Giustino Ferri, ubicato all’ingresso del centro storico di Picinisco, adiacente ad altri fabbricati che costituiscono il complesso di case mura che definivano e proteggevano il centro storico. Dominando la Val Comino, il Palazzo fu eretto su una delle torri di guardia originali della città, costruita quasi 1000 anni fa, sopra una delle porte principali dell’antico borgo, la cosiddetta “Porta della Prece”, del 1711. La parte principale dell’attuale edificio fu costruita nel 1766 (probabilmente riferita ad un ampliamento dell’edificio originario del 1711) come sede del Vescovo il quale apparteneva alla famiglia Bartolomucci di Picinisco, grandi proprietari terrieri. L’edificio rimase di proprietà della famiglia sino al 2010, quando fu acquistato da “Sotto Le Stelle”.

Utilizzato come abitazione prima della seconda guerra mondiale, l’edificio fu adibito a caserma dei Carabinieri fino al 1983 quando -in seguito ad ingenti danni provocati dal terremoto- gli uffici furono trasferiti altrove.

Abbandonato per 30 anni, l’edificio è stato oggi accuratamente restaurato nel rispetto delle norme sismiche vigenti. La sua distribuzione originaria di palazzina signorile con vari accessi, piano nobile, servitù, magazzini e stalle, ha reso possibile la realizzazione di splendide suites di varia dimensione.

edificio