Immaginate di guidare a New York City, alle ore 10 e di essere a Yellowstone Park prima di mezzogiorno. Se questa idea vi stuzzica, lasciate Roma o Napoli alle 10 e anche voi potrete godere di uno dei cinque migliori Parchi nazionali in Europa (guida Lonely Planet 2011): il Parco Nazionale d’Abruzzo, Molise e Lazio.

Questo parco è remoto e selvaggio, ritrovo per cervi, cinghiali, lupi e orsi. Luogo ideale per camminare o sciare o semplicemente godersi la natura. Pranzare presso il Barracone a Prati di Mezzo – a soli 20 minuti dalla Piazza di Picinisco.

Il monte Meta, a 2400 metri di altezza, per secoli è stato lodato per avere le viste più spettacolari, e “le migliori guide si trovavano a Picinisco”- recitava Murray – (Guida John Murray nel Sud Italia 1855). Nulla è cambiato.

Oggi Picinisco rappresenta uno degli ingressi al Parco, una delle realizzazioni italiane tra le più fiere. Con 150.000 ettari d’area protetta, attraversata da una sola strada asfaltata (anche se ci sono innumerevoli strade sterrate per i ciclisti), riceve due milioni di visitatori l’anno. Come la maggior parte di loro, potrete fermarvi e scendere in uno dei sette centri-parco per i visitatori, selezionare le mappe e le informazioni riguardanti circa 150 itinerari segnalati, da percorrere a piedi, di varia lunghezza e difficoltà.

panoramica_parco_nazionale_d_abruzzo

Due terzi della superficie del parco è coperta da immense foreste di faggio, pino, abete, quercia, tasso, frassino, acero, selvaggio, querce e altri alberi. È sede di alcune specie che hanno da poco rischiato l’estinzione: il lupo appenninico, quello marsicano, l’orso, la volpe, la capra di montagna e la lince appenninica. Piccoli gruppi di questi animali prosperano qui ora, accanto a una miriade di altre specie selvatiche che vengono a volte integrate da grandi mandrie di pecore addomesticate. Per secoli, i pastori locali hanno praticato la ”transumanza”, muovendo i loro greggi verso i pascoli più caldi nei pressi di Roma e Napoli in autunno e in primavera, seguendo lo stesso cammino centenario dei tratturi (sentieri).